In viaggio sulla strada romana...
 
 
Il curriculum
E’ nato a Castel dell’Alpi, frazione del Comune di San Benedetto Val di Sambro (Bologna) il 29.09.1930 da famiglia di muratori e scalpellini, dai quali ha appreso e proseguito il mestiere.
Interessato alla conoscenza della storia locale ed alla natura del luogo natio, fin dalla sua giovinezza ha esplorato quelle montagne dell’alto Appennino tosco-emiliano, dove ha vissuto gran parte della sua vita, conoscendone tutti i segreti.
Esercitando il lavoro di scalpellino si è specializzato nell’estrazione della pietra arenaria locale che, dopo averla scolpita ed opportunamente sagomata, ha utilizzato per la costruzione dei caminetti a legna.
Nello svolgimento di questo lavoro, che lo metteva in contatto con pietre di varia natura, si è appassionato allo studio della geologia locale e della mineralogia in generale. Sarà in una di queste cave di arenaria, alle pendici del monte Bastione, che troverà, nel fondo di una fenditura naturale, una moneta romana risalente al IV-III secolo a.C..
Questo fortuito rinvenimento lo ha indotto a intraprendere, con l’amico Cesare Agostini, una meticolosa ricerca della viabilità romana e medievale su quell’Appennino tosco-emiliano, a nord ed a sud del Passo della Futa, a lui tanto famigliare; ricerca che porterà alla scoperta di numerosi tratti di basolato della dimenticata strada romana Bologna-Arezzo.
 
L’archeologo Nome: Franco Santi
Nato il: 29 settembre 1930
Professione: Artigiano
Hobby: Archeologia
Libro preferito: Storia di Roma di Tito Livio
Citazione preferita: Chi cerca trova ! I PROTAGONISTI DELLA RICERCA E DEGLI SCAVI CHE HANNO PORTATO ALLA LUCE IL BASOLATO DELLA STRADA ROMANA BOLOGNA-FIESOLE –AREZZO DEL 187 a.C. ED AUTORI DEL LIBRO CONSULTABILE IN QUESTO SITO.